Un villaggio verticale - Due nomadi e mezzo
488
post-template-default,single,single-post,postid-488,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Un villaggio verticale

Prevedono un tifone, e da una settimana una pioggia pesante si abbatte sulla città.

E’ domenica, e da venerdì siamo asserragliati in casa. Situazioni di questo tipo capitano spesso qui a Taiwan. Quando piove, piove tanto. Tantissimo. Le strade si allagano, e nel countryside è ancora peggio.

Fortunatamente noi viviamo in un villaggio verticale.

Quando siamo arrivati mi chiedevo il perchè di una piscina interna in un paese che ha sole per 350 giorni all’anno. Il primo agosto passato qui mi ha chiarito le idee.

Le aree comuni dei palazzi non sono uno sfogo per spazi abitativi troppo stretti, ma anche la risposta per 210 famiglie a questi weekend interminabili governati dal maltempo.

Sala hobby

Non per tutti, certo. Noi siamo tra i “fortunati”. Ma i nuovi palazzi sono tutti concepiti per offrire agli inquilini il massimo comfort.

Come funziona il nostro condominio

Un intero piano del nostro condominio è dedicato ai servizi, che spaziano dal biliardo, al karaoke, alla piscina. C’è veramente di tutto, e mai mi sarei aspettata di poter accedere ad una palestra sempre libera in un palazzo che contiene così tante persone.

Per utilizzare gli spazi comuni bisogna rispettare le regole: si va giù alla reception e si consegnano le chiavi del proprio appartamento. Solo così il personale fornisce le chiavi delle stanze interessate. Naturalmente ci si registra fornendo il numero di appartamento, nome, e orario di ingresso e di uscita. Questo sia per questioni di sicurezza delle persone, sia per garantire la sicurezza degli spazi stessi. In caso di danni è sempre possibile risalire al responsabile.

Com’è abitudine in Oriente, all’ingresso delle stanze ci si toglie le scarpe, ad eccezione della palestra.

La palestra

In palestra però c’è un sistema davvero ingegnoso per tenere pulito: un tappeto adesivo, che trattiene qualunque impurità dalle scarpe.

Tappeto adesivo all’ingresso della palestra

Da questa stanza si può vedere attraverso il vetro la kids room, così i genitori dei più grandi possono godersi il workout tenendo d’occhio la prole.

kids room

Alcuni ambienti, come la “social room” possono essere prenotati per le proprie feste private , risolvendo così il problema del “dove li metto?”.

Tutte le stanze sono tenute pulite dal personale del palazzo e tutto funziona come un orologio. Manca un pò d’anima comunque. Manca il vicino che ti suona portandoti la tua posta finita per errore nella sua cassetta. Manca l’aspetto sociale, e rompere il ghiaccio è abbastanza difficile.

Solo nella stanza dei bambini succede la magia. Gli umani dalle gambe corte sanno come dare il benvenuto al nuovo arrivato. E non importa che lingua parla, loro riescono comunque a giorcarci a nascondino.

No Comments

Post A Comment